4 prova CIMR - Motorally 2019


Da Soloenduro.it

L’ESTATE ARRIVA A SPELLO

"Quarta prova del campionato italiano Motorally per questa stagione 2019.

Ad ospitare la carovana composta dagli oltre 150 piloti iscritti, la bellissima cittadina di Spello nella provincia umbra di Perugia, ai piedi del monte Subasio.

Oltre ad essere annoverata tra i borghi più belli d'Italia, è famosa per “Le Infiorate di Spello”, festa che ha luogo ogni anno in coincidenza con la festa del Corpus Domini. Si tratta di una tradizionale manifestazione che consiste nel preparare tappeti fatti con fiori o parti di essi rappresentanti figurazioni e motivi ornamentali liturgici.

Il motoclub organizzatore è l’ormai collaudatissimo Foligno  sotto la direzione del omnipresente Dario Signorelli, instancabile gestore di tutto quello che serve per presentare una gara di livello nazionale.

Fine settimana caldo quello del 8/9 di giugno, ma non solo dal punto di vista agonistico. L’estate è arrivata dopo una lunga primavera piovosa e relativamente fredda. Trovarsi cosi di colpo a temperature sopra i 30 gradi non è stato facile per nessuno, sia per gli accompagnatori che soprattutto per i piloti presi già a fare i conti con il sole estivo durante tutta la preparazione del sabato pomeriggio.

La location del paddock si distribuiva attorno ad una struttura sportiva che è servita per tutta la parte amministrativa e gestionale dell’evento. Iscrizioni, verifiche, punzonature tutte vicine e le squadre ufficiali in prima linea con le loro strutture proprio all’entrata.

Tra queste c’eravamo anche noi di soloenduro.it appoggiati al team RS Moto Honda di Simone Agazzi per continuare ad effettuare il LONG RUN TEST della Honda XR 450.

Il bellissimo bilico, i gazebi e le bellissime Honda 250 di Carlo  Cabini ed Andrea Fesani affiancavano la mia fedele compagna per la stagione 2019. Tutto pronto, un piccolo controllo da parte del nuovo meccanico portato  dal nostro team manager, il bravissimo Davide Cotimbo, meccanico HRC e meccanico personale di Paulo Goncalves quando correva con la 450 ufficiale della casa alata. La sua enorme esperienza ha “riordinato” tutta la mia strumentazione in 15 minuti, fantastico!

Gomme e mousse nuove (rigorosamente Zeltex ed Exclusive Mousse by Riga Gomme), una spurgatina al freno posteriore e  la mia XR è già pronta a partire per la domenica, dopo aver passato le verifiche e la fonometrica senza alcun problema!

Il caldo costante fa rallentare tutto l’iter della normale preparazione pregara ed anche “colorare” le due speciali diventa…un’ impresa! 20km la prima, 16 la seconda. La prima sembrerebbe più veloce, la seconda più lenta e navigata. Alla fine invece la location è la stessa e si equiparano per il livello di difficoltà.

Il mio orario di partenza è le 8.40 del mattino ed almeno in quel momento il sole non sta ancora scaldando imperterrito. Una volta partiti poi si è sale nella zona collinare e, complice anche la presenza dei boschi, la temperatura risulta più sopportabile. Una prima speciale molto bella, navigata ma veloce con continui cambi di terreno e ritmo. Qualche piccolo sbaglio ed un problema fisico che mi tiro dietro da qualche giorno, fanno si che, nonostante mi piaccia molto, il tempo risultante sia più alto delle mie aspettative ma comunque primo della classe marathon, nostro obbiettivo per il 2019.

Terminata la PS mi porto con tranquillità fino all’assistenza itinerante dove mi aspetta il mio furgone Soloenduro.it con Simone e Davide pronti per rifocillare me e la moto per la speciale del pomeriggio.

Tutto bene, clima come al solito molto rilassato ed amichevole, la moto non ha nessun problema e quindi sostituisco il roadbook con quello della seconda parte della gara ed aspetto il mio turno per timbrare al CO.

Si riparte ed il caldo comincia a battere anche in montagna tanto che al rifornimento prima della seconda speciale, complice un buon anticipo, ci troviamo praticamente tutti seduti fuori di un bar a bere qualcosa di fresco ed a raccontarci le mille avventure accadute ad ognuno nella prima speciale. Questi forse sono i momenti che rimangono impressi  per più tempo delle gare. E’ un po’ come quando si esce al weekend con gli amici e ci si ferma a mangiare; partono mille storie inimmaginabili su quello che è successo, ognuno ha quasi sempre qualche aneddoto o ricordo da raccontare. Ecco, questo è il motorally, c’è ancora quello spirito di divertimento e di appartenenza ad un gruppo che in certe discipline motocicliste è oramai andato perso da tempo.

Finita la pausa goliardica, via tutti verso la speciale e da li si ristacca la spina del cervello, tutti diventano nemici, almeno fino al cartello di fine speciale. Io mi sento meglio, anche grazie ad un forte antidolorifico preso nella pausa del rifornimento. La seconda speciale è ben chiaro dall’inizio che sia la stessa del mattino al contrario visto che la partenza è l’arrivo della precedente. Può essere controproducente spesso però perché i segni in terra della mattina possono indurre in facili sbagli di navigazione se non si sta molto attenti. Parto deciso per difendere la mia prima posizione virtuale visto che il mio diretto inseguitore è abbastanza vicino.

Un paio di piccoli sbagli ed il dolore che si fa sentire dopo metà speciale non mi permettono di essere al top ma comunque il tempo è migliore della mattina e la vittoria di classe è assicurata.

Esco dalla speciale e con grande tranquillità scendo all’arrivo per consegnare transponder, tabella di marcia e roadbook.

Tutto è andato per il verso giusto, ancora una volta! Questa moto vuole quasi far diventare monotono il LONG RUN TEST! Scherzo, la nota affidabilità della casa alata è garanzia che tutto funzioni per il verso giusto ed anche dopo questa prova di Spello non posso far altro che continuare a sostenere che il progetto di questa XR nato da Red Moto e gestito sui campi di gara dalla ottima struttura di Simone Agazzi è sicuramente un progetto vincente…e le classifiche lo dimostrano chiaramente. Al giro di boa del campionato questo gioiellino hai fatto centro ad ogni gara! Ora prepariamo tutto per una lunga trasferta, tra un mese siamo a Lorica in Calabria per la quinta e sesta prova dove, se tutto procede come deve, potremmo già portare a casa il titolo italiano in anticipo sulla chiusura di campionato a settembre.

Seguiteci sulle dirette di facebook e sul sito di soloenduro!

Un saluto dal pietriksson!!"